Newsletter Farmaci

ALERT Farmaci !

A) Malattie rare – Distrofia muscolare

Il trattamento precoce con Lisinopril e Spironolattone preserva il muscolo cardiaco e scheletrico in topi con distrofia muscolare di Duchenne

La cardiomiopatia nella distrofia muscolare di Duchenne contribuisce allo scompenso cardiaco e al decesso.Poiché i pazienti con distrofia muscolare di Duchenne mostrano fibrosi miocardica molto prima della compromissione funzionale, è stato ipotizzato che un trattamento precoce utilizzando farmaci con effetto anti-fibrotico possa portare beneficio.Son […]
Ricerca :: Distrofia muscolare :: http://mediexplorer.it/cerca?q=distrofia%20muscolare
B) Depressione – Rischio di torsione di punta con gli antidepressivi Cipralex ed Entact

Prolungamento dose dipendente dell’intervallo QT osservato con Escitalopram

Lundbeck e Recordati in accordo con l’Agenzia Italiana del Farmaco, hanno informato gli operatori sanitari di importanti informazioni relative alla sicurezza di Escitalopram ( Cipralex ed Entact ).Escitalopram è associato a un prolungamento dose-dipendente dell’intervallo QT. Escitalopram è un inibitore selettivo della ricaptazione della s […] Ricerca :: Escitalopram :: http://mediexplorer.it/cerca?q=Escitalopram%20
C) Pediatria –  Farmaci per il disturbo da deficit di attenzione e iperattività

Strattera associato a rischio di aumento della pressione sanguigna e della frequenza cardiaca

Eli Lilly, in accordo con l’Agenzia Italiana del Farmaco ( AIFA ), hanno informato gli operatori sanitari riguardo a una questione di sicurezza clinicamente importante relativa al rischio conosciuto di aumento della pressione sanguigna e della frequenza cardiaca con l’impiego di Strattera ( Atomoxetina ), un farmaco indicato per il trattamento del disturbo da deficit dell&rsqu […] Ricerca :: Pressione sanguigna :: http://mediexplorer.it/cerca?q=pressione%20sanguigna
D) Cardiologia – Si riapre la discussione sui livelli di sodio e il rischio cardiovascolare. Un’alta escrezione di sodio è risultata associata a morte cardiovascolare e a ospedalizzazione per scompenso cardiaco
 

I livelli di sodio troppo alti o troppo bassi aumentano il rischio di eventi cardiovascolari avversi

Uno studio ha mostrato l’esistenza di una relazione a forma di J tra l’escrezione urinaria di sodio e il rischio cardiovascolare.Rispetto a un’escrezione di sodio al basale di 4.00-5.99 g/die, un’escrezione di sodio superiore a 7 g/die è associata ad un aumentato rischio di eventi cardiovascolari avversi. Ma anche un’escrezione di sodio inferiore […] Ricerca :: Rischio cardiovascolare :: http://mediexplorer.it/cerca?q=rischio%20cardiovascolare
Precedente Informazione in Oncologia Successivo Dermatologia Newsletter