Crea sito

Leggere fa bene alla salute

Leggere Leggere

Leggere migliora la vita e la salute: gli studi scientifici dimostrano come l’attività della lettura faccia bene alla mente e al corpo, a partire dall’azione antistress https://www.ebay.it/sch/rosip64/m.html

Leggere ci porta a sospendere ogni attività, rallenta il ritmo della respirazione, induce al relax. Se è chiaro che la lettura sia una attività calmante e distensiva, non è chiaro quando si debba leggere ogni giorno per averne i benefici.

Una ricerca effettuata dall’Università del Sussex ha evidenziato che la tensione muscolare e il battito cardiaco iniziano a rallentare dopo sei minuti di lettura. L’attività costante di leggere riduce lo stress del 68%, mentre giocare con un videogame ha un effetto solo del 21%.

Non importa cosa si legga ciò che conta è trovare un libro che ci appassioni.

L’esercizio di seguire le storia, ricordare i passaggi e i nomi dei personaggi, sono i primi motivi in cui possiamo riconoscere i benefici della lettura sulla memoria e sulla concentrazione. Secondo quanto pubblicato sulla rivista Neurology la lettura riduce il rischio di demenza senile, migliorando la qualità della vita in età avanzata.

 

Benessere & Salute Newsletter

Iscrizione ( GRATUITA ) alle Newsletter di Medicina: XagenaWeb >>

ALERT Benessere & Salute !

Top News / Infezioni & malattie cardiovascolari

L’infezione da virus Zika associata a complicanze cardiovascolari

Il virus Zika può essere associato a complicazioni cardiovascolari. La maggior parte delle persone infettate dal virus Zika presentano sintomi lievi o non-specifici, e i sintomi delle complicanze …

Focus: Malattie trasmesse da zecche

Encefalite virale da zecche

L’encefalite virale da zecche ( tick-borne encephalitis – TBE ) è una malattia infettiva virale che colpisce il sistema nervoso centrale e può causare sintomi neurologici prolungati e, in alcuni casi, …

Malattie trasmesse dalle zecche

L’encefalite virale da zecche ( TBE; tick-borne encephalitis ) è considera un crescente problema di sanità pubblica in Italia, in Europa ed in altre parti del mondo. A livello europeo la malattia è …

News

L’allattamento al seno potrebbe ridurre l’infarto miocardico e il rischio di ictus nelle madri

I benefici per la salute a breve e lungo termine dell’allattamento al seno sono noti, ma una ricerca ha dimostrato che l’allattamento al seno può anche ridurre, nelle madri, il rischio di sviluppare u …

Tumori: i polifenoli, presenti in frutta e verdura, hanno effetti benefici ?

I polifenoli, composti naturali presenti in abbondanza in frutta e verdura sono salutari ? I ricercatori dell’Istituto di scienze dell’alimentazione del Consiglio nazionale delle ricerche ( Isa-Cnr …

Efficacia dell’Acido Desossicolico nel trattamento dell’adiposità sottomentoniera

Efficacia e sicurezza validate da studi scientifici hanno portato all’approvazione di Belkyra ( Kybella negli Stati Uniti ) per il trattamento del doppio mento. Il farmaco contiene una versione sinte …

MediExplorer.it :: Motore di Ricerca in Medicina

Farmaci ipocolesterolemizzanti: Evolocumab riduce del 20% il rischio di eventi cardiovascolari maggiori nei pazienti con alti livelli di colesterolo LDL

Lo studio FOURIER, su 27.564 pazienti, ha stabilito per la prima volta che ridurre al massimo i livelli di colesterolo…

Perdita di peso intenzionale e rischio di tumore endometriale

Sebbene l’obesità sia un fattore stabilito di rischio di cancro dell’endometrio, le informazioni sull’influenza della perdita di peso sul rischio…

Inibitori SGLT2: informazioni sul rischio potenziale di amputazione delle dita del piede nei pazienti con diabete mellito di tipo 2

L’ EMA ( European Medicines Agency ) sta informando sul potenziale aumento del rischio di amputazione degli arti inferiori (…

Benessere & Salute Newsletter

ALERT Salute & Benessere !

Inquinamento & Rischi per la Salute

L’inquinamento atmosferico aumenta il rischio di malattie cardiovascolari nelle donne con diabete

Una ricerca ha mostrato che le donne affette da diabete mellito esposte a lungo termine a inquinamento da traffico vanno incontro a un aumento del rischio del 44% per le malattie cardiovascolari e a u …

Associazione globale di inquinamento atmosferico e scompenso cardiaco

L’esposizione acuta all’inquinamento dell’aria è stato associato a infarto del miocardio, ma il suo effetto sullo scompenso cardiaco non è ben definito.Sono state portate a termine una revisione sistematica della letteratura e una meta … Leggi

Inquinamento atmosferico correlato a più alto rischio di infarto miocardico

Respirare aria inquinata appare associata a una maggiore probabilità di andare incontro a infarto miocardico.Mentre era noto che le persone che vivono per anni in città inquinate e vicino alle principali autostrade sono ad aumentato rischio di … Leggi

Inquinamento atmosferico correlato al traffico e sviluppo di sensibilizzazione allergica nei bambini durante i primi 8 anni di vita

Il ruolo della esposizione all’inquinamento atmosferico nello sviluppo della sensibilizzazione allergica non è chiaro. Si è cercato di valutare lo sviluppo di sensibilizzazione fino all’età scolare correlato alla esposizione longitudinale … Leggi

Esposizione a lungo termine all’inquinamento atmosferico e ricoveri per asma negli adulti più anziani

L’esposizione all’inquinamento atmosferico nella prima infanzia contribuisce all’asma infantile, ma non è chiaro se l’esposizione a lungo termine all’inquinamento atmosferico possa causare l’insorgenza o la progressione … Leggi

Focus On: Farmaci antinfiammatori

Gli antinfiammatori non-steroidei, ad eccezione dell’Acido Acetilsalicilico ( Aspirina ) possono causare infarto miocardico o ictus. L’Agenzia regolatoria degli Stati Uniti avvisa i pazienti a prestare attenzione ai segni premonitori di questi eventi cardiovascolari:  i pazienti che assumono FANS devono rivolgersi immediatamente al proprio medico in caso di sintomi come dolore al petto, mancanza di respiro o difficoltà respiratorie, debolezza in una parte o su un lato del corpo, o difficoltà a parlare

I pazienti che assumono farmaci antinfiammatori non-steroidei, ad esclusione dell’Aspirina, hanno una più alta probabilità di essere colpiti da infarto miocardico o da ictus

La FDA ( Food and Drug Administration ) sta rafforzando l’avvertenza riguardo all’aumentato rischio di infarto del miocardio o di ictus dall’assunzione di farmaci antinfiammatori non-steroidei ( FANS …

Focus On: CardioMetabolismo

La sindrome metabolica è una condizione caratterizzata da un rischio cardiovascolare almeno moderato sia per la comparsa di diabete mellito di tipo 2, sia per il manifestarsi di malattie cardiovascolari sia, infine, per la comparsa progressiva di insufficienza renale cronica.

La definizione di sindrome metabolica si fonda sulla presenza di almeno tre di cinque fattori di rischio cardio-metabolico che la caratterizzano: oltre alla larghezza del girovita ( 102 cm nell’uomo ed 88 cm nella donna ), gli altri parametri per la diagnosi della sindrome sono una pressione massima più alta di 130 mmHg e/o quella minima superiore a 85 mmHg ( oppure ipertensione arteriosa in terapia ), una glicemia a digiuno eguale o superiore a 100 mg/dl ( oppure la presenza nota di diabete mellito in  terapia ipoglicemizzante ); i trigliceridi eguali oppure oltre 150 mg/dl ( o una cura ipolipemizzante in atto ); il colesterolo HDL inferiore a 40 mg/dl nell’uomo o 50 mg/dl nella donna.

Pressione arteriosa: i dati dello studio SPRINT sono estremamente positivi ma la cautela è d’obbligo

Ai dati preliminari forniti dal National Institutes of Health ( NIH ) sul Systolic Blood Pressure In

CardioMetabolismo.it è un sito dedicato alle novità sulla Sindrome metabolica e sul Rischio cardiovascolare con l’obiettivo di prevenire le Malattie cardio & cerebrovascolari   Link:  www.cardiometabolismo.it

Per ricevere News riguardanti argomenti cardiometabolici è necessario iscriversi alle Newsletter: Diabete mellito; Ipercolesterolemia; Ipertensione; Obesiologia

Per iscriversi alla Newsletter Xagena
Coloro che sono GIA’ ISCRITTI ad altre Newsletter Xagena possono accedere al Pannello di Controllo al sito XagenaWeb.it inserendo l’indirizzo e-mail con il quale ricevono le Newsletter e la Password personale [ RIPORTATA IN FONDO A OGNI NEWSLETTER ]  E’ importante confermare la modifica cliccando sul tasto SALVA MODIFICA

Dermatologia News

Acne: l’uso degli antibiotici per via sistemica deve essere limitato nel tempo per la possibile insorgenza di resistenza

Uno studio retrospettivo ha mostrato che i pazienti che soffrono di una forma grave di acne tendono a ricevere un trattamento con antibiotici per un periodo molto più lungo di quello raccomandato dall …

L’insorgenza di artrite psoriasica può essere associata a trauma fisico nei pazienti con psoriasi

Un totale di 15.416 pazienti con psoriasi, che erano stati esposti a traumi fisici, sono stati abbinati con 55.230 pazienti di controllo non-esposti senza psoriasi nel Regno Unito nel periodo 1995-201 …

Diabetologia News

La mancanza di sonno correlata a fattori di rischio per il diabete mellito e le malattie cardiache

Le persone che dormono meno di sei ore a notte sono a maggior rischio di manifestare diabete, malattie cardiache e ictus. Lo studio ha preso in esame circa 2.600 adulti per più di due anni e ha sco …

L’uso frequente degli antibiotici può aumentare il rischio di diabete mellito di tipo 2

Le persone, che si sottopongono a più terapie antibiotiche, presentano un più alto rischio di sviluppare diabete mellito di tipo 2. I ricercatori hanno utilizzato i dati provenienti da tre registri …